MeteoLand consiglia:

Black Angus e Carne Argentina

Altezza zero termico

CLICCA

SATELLITE

SATELLITE CLICCA

TEMPERATURE ATTUALI

Temperature attuali

TEMPERATURE PERCEPITE

RAFFREDDAMENTO DA VENTO CLICCA

RADAR NORD OVEST

RUN ECMWF

Run ECMWF

SITUAZIONE CENTROSUD, TEMPERATURA E PRECIPITAZIONI PREVISTE

 

CLICCA

PRECIPITAZIONI ATTESE CLICCA

Analisi Europa Evoluzione

CLICCA

ANOMALIE TEMPERATURE MARI E ATLANTICO

ANOMALIE SST CLICCA

 

ANOMALIE SST CLICCA

AO INDEX

AO Index

NAO INDEX

NAO Index

TEMPERATURE GLOBALI

Collaboriamo con

SIMON'S  WEBSITE METEO E NON

Collaboriamo con meteorologie.ro

 81 visitatori online

Perché l'Italia è inceppata.

Consiglio a tutti di leggere i corsivi di Piero Ostellino, giornalista saggio ed esperto.

 

Gli ultimi dati sull'Italia produttiva descrivono un Paese che non cresce economicamente, politicamente e culturalmente, senza un governo efficiente, privo di una classe dirigente (anche di opposizione) e di un sistema informativo degni di un Paese civile. Sono gli effetti della paura di pensare, come aveva scritto Croce alla vigilia del fascismo. Come è potuto accadere un tale disastro? Personalmente, sono convinto sia accaduto perché la scuola, egemonizzata dalla sinistra comunista ed ex comunista, nemica dello Stato liberale nato col Risorgimento, non ha prodotto una classe dirigente in grado di articolare un pensiero. E perché il sistema informativo ha rinunciato, per viltà, ad esprimere criticamente un pensiero strutturato che ponesse la classe dirigente di fronte alle sue responsabilità e quella politica di fronte all'esigenza di riformare l'Italia, tirarla fuori dalla palude fascista, evitare che fosse la (cattiva) imitazione di un Paese di socialismo reale sovietico fallito sotto le dure repliche della storia. Il Paese è alla deriva perché sono arrivati negli assetti sociali che contano personaggi spaventati alla sola idea di avere o, peggio, di esprimere e lasciar esprimere dai giornali che controllano, un qualche pensiero che non siano le parole vuote che usano. Ho detto dei quotidiani perché ci lavoro da oltre cinquant'anni e ne ho visto l'involuzione. Ma potrei parlare del liceo, dell'Università, dell'insegnamento in generale. L'Italia alla deriva è il Paese voluto e costruito dalla cultura di sinistra, prima comunista filosovietica e poi post-comunista, che ha mal digerito la democrazia liberale occidentale che è competitiva, conflittuale - e ne ha distrutto le tradizioni, impedendo che si costruisse un Paese efficiente e moderno. Il risultato è stata una via di mezzo fra il fascismo caduto nel '45, ma mai uscito dalla testa di molti italiani, e la disastrosa Unione Sovietica, cui quegli stessi italiani hanno guardato come ad un esempio da imitare. Un Paese che funziona non ha bisogno di tante leggi. Ma basta guardare all'eccesso di legislazione presente per capire che non siamo una democrazia liberale. Peggio di così non può finire, anche e soprattutto perché di speranze che finisca meglio non se ne vedono all'orizzonte. Mi scuso con i lettori per il mio pessimismo e auguro loro di avere il coraggio e la forza di cambiare le cose, utilizzando meglio, d'ora in poi, il proprio voto come accade nelle democrazie mature.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Cookie Information