MeteoLand consiglia:

Black Angus e Carne Argentina

Altezza zero termico

CLICCA

SATELLITE

SATELLITE CLICCA

TEMPERATURE ATTUALI

Temperature attuali

TEMPERATURE PERCEPITE

RAFFREDDAMENTO DA VENTO CLICCA

RADAR NORD OVEST

RUN ECMWF

Run ECMWF

SITUAZIONE CENTROSUD, TEMPERATURA E PRECIPITAZIONI PREVISTE

 

CLICCA

PRECIPITAZIONI ATTESE CLICCA

Analisi Europa Evoluzione

CLICCA

ANOMALIE TEMPERATURE MARI E ATLANTICO

ANOMALIE SST CLICCA

 

ANOMALIE SST CLICCA

AO INDEX

AO Index

NAO INDEX

NAO Index

TEMPERATURE GLOBALI

Collaboriamo con

SIMON'S  WEBSITE METEO E NON

Collaboriamo con meteorologie.ro

 104 visitatori online

Cambiamenti climatici in atto?

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF | Stampa | E-mail

Ecco il mio contributo all'interessante e molto acuto post del nostro Simone, a cosa è dovuto il disordine barico che sta ultimamente interessando il nostro continente? Non stupiamoci, il clima ha subito mutamenti in passato e ne subirà in futuro, è insito nel suo dna, non a caso Simone ha citato il GW e la PEG fenomeni non di certo frequenti ma neanche straordinari, una nuova PEG è nell'ordine delle cose e anche il GW è da considerarsi normale fluttuazione climatica, tralascio qui il discorso sulle cause antropiche che esula dalla discussione, è assodato che il clima cambia e le ere glaciali si sono verificate e si verificheranno ancora, ora siamo appunto in un era interglaciale, a quando la prossima PEG?continua....

 

 

Presto? Fra centinaia di anni? I russi sostengono entro il 2014, non credo, anche se l'attuale minimo solare in atto è quasi paragonabile al famoso minimo di Maunder precursore dell'ultima era glaciale. Da un po di tempo non ci sono più le classiche stagioni mediterranee, estati miti e piovose, primavere sempre più corte come l'autunno ed inverni anomali,  gelo sterile, tutte le precipitazioni relegate in determinate aree o inverni straordinariamente miti, come mai? Indiziato numero uno e sicuramente colpevole e' l'anticiclone Azzoriano figura barica importante quella che ci assicurava le estati suddette e che alternandosi con l'atlantico sfornava precipitazioni frequenti, per contro sono aumentati di gran numero i fenomeni violenti quasi estremi che quasi mai prima d'ora si erano verificati alle nostre latitudini, cito per esempio il notevole numero di trombe d'aria o temporali a supercella che si sono verificati quest'estate, anche se in assoluto i fenomeni sono pochi se guardiamo a qualche anno fa sono notevolemente aumentati e si susseguono dopo periodi sempre più lunghi di ostinata siccità; il meccanismo si e' inceppato , l'Azzoriano si e' defilato in pieno Atlantico e l'africano la fa da padrone inibendo l'atlantico e le perturbazioni devono fare i salti mortali per arrivare sin da noi e purtroppo come detto sopra arrivano in misura eccessiva, ricordate l'alluvione su Genova, 200 mm. di acqua scaricati nel giro di poco più di un ora, qantità che solitamente cade in più di un mese! Per creare questo squilibrio nella circolazione generale dell'atmosfera non basta una causa sola ma vi concorrono più cause, vediamole, come mai l'Azzoriano ha cambiato dimora e non staziona più dove era sino a qualche anno fa? Riteniamo che la prima causa sia da ricercare nelle SSTA  che sono da tempo inell'atlantico occidentale molto elevate, questo surplus di energia termica secondo noi funge da catalizzatore per l'hp Azzoriano che non trova la forza di spingersi verso l'Europa, altro fattore, la falla al largo del Portogallo, causa delle rimonte africane, anche qui entrano in gioco le SSTA, una piscina gelida al largo dell'iberia attira buona parte delle saccature che aprono così la strada alle risalite calde, oltretutto l'ICTZ  e' da tempo più avanzato del normale dando così un'ulteriore spinta al mostro africano, la causa di questo avanzamento e' probabilmente legato agli spostamenti della cella di Hadley quel gioco di correnti interplanetarie che soffiano dal Polo all'equatore e viceversa, la causa di questo spostamento è probabilmente da ricercare ancora una volta secondo me nelle dinamiche solari e terrestri a livello di QBO i venti stratosferici, flusso solare  e SSTA e a modificazioni in atto nella magnetosfera terrestre che subisce da secoli variazioni sia a livello di poli magnetici e chissà anche da modificazioni dell'asse di rotazione terrestre. Cosa ci riserverà il futuro? Si attenuerà la tendenza in atto o ci tropicalizzeremo sempre di più come dice il nostro Simone? Presto per dirlo, i cambiamenti climatici sono lunghi a verificarsi , vedremo nei prossimi mesi e anni se la tendenza in atto è solo una parentesi o un vero e proprio nuovo setup barico.

Fulvio Valagussa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Cookie Information