MeteoLand consiglia:

Black Angus e Carne Argentina

Altezza zero termico

CLICCA

SATELLITE

SATELLITE CLICCA

TEMPERATURE ATTUALI

Temperature attuali

TEMPERATURE PERCEPITE

RAFFREDDAMENTO DA VENTO CLICCA

RADAR NORD OVEST

RUN ECMWF

Run ECMWF

SITUAZIONE CENTROSUD, TEMPERATURA E PRECIPITAZIONI PREVISTE

 

CLICCA

PRECIPITAZIONI ATTESE CLICCA

Analisi Europa Evoluzione

CLICCA

ANOMALIE TEMPERATURE MARI E ATLANTICO

ANOMALIE SST CLICCA

 

ANOMALIE SST CLICCA

AO INDEX

AO Index

NAO INDEX

NAO Index

TEMPERATURE GLOBALI

Collaboriamo con

SIMON'S  WEBSITE METEO E NON

Collaboriamo con meteorologie.ro

 49 visitatori online

1985: quando l'inverno fa sul serio.

Attenzione: apre in una nuova finestra. | Stampa | E-mail

in questo Gennaio dinamico ripubblico questo mio speciale sull'evento che ancora è vivo nella nostra memoria.

Nell'anniversario della grande nevicata pubblichiamo un nostro speciale sull'evento, buona lettura.

Un saluto a tutti  cari amici di Meteoland, l'inverno attuale non ha ancora rivelato il suo volto, voglio ricordare un inverno che tutti voi ricorderete e ricordate spesso , il 1985 che proprio a Gennaio strinse l'Europa in una morsa di gelo e neve particolarmente intensi creando non pochi disagi e in alcuni casi paralisi  completa delle attività umane. Non vi parlerò di quello che successe in Italia ma vi mostrerò alcune foto di ciò che successe oltralpe nella vicina Francia. Dopo due inverni particolarmente miti anche Dicembre si rivelò tale, ma a Gennaio un imponente massa d'aria gelida di origine Siberiana irruppe sull' Europa facendo registrare temperature molto rigide, spiccano i -24 sul nord della Francia, il 5 gennaio prima neve anche a Parigi, 5 cm. caddero sulla capitale, il freddo polare dilaga ovunque, nella notte tra il 6 e il 7 una tempesta di neve paralizza tutto il nord della Francia e colpì sin sulla Costa Azzurra, l'8 e il 9 temperature polari sulla Francia intera, -25 a Grenoble,  -27,5 ad Harra du Pin, in Costa Azzurra si raggiunsero i -6 e 38 cm. di neve al suolo. Molta gente girava con gli sci, ovunque gli accumuli erano prossimi o superiori al metro.

dopo una piccola tregua una nuova massa d'aria Siberiana, si raggiunsero record storici, -40 a le Doubs, -18 a Parigi, -12 a Biarritz, ecco una significativa foto: continua....CLICCA SUL LEGGI TUTTO

 

tremendi danni alla vegetazione a ai raccolti oltre che una moria di animali per il ghiacciamento della Loira:

i tiranti di un ponte sulla Loira cedettero per il troppo gelo e il ponte crollò

 

 

il gelo arrivò sin nelle profondità del terreno

in Costa Azzurra sino sulla spiaggia caddero 38 cm. di neve.

anche Febbraio si rivelò crudo, ecco alcune immagini della Svizzera Francese

Marzo e Aprile videro mareggiate  che provocarono forti inondazioni

Nell'autunno e inverno successivi si raggiunsero dei record di caldo con punte di 34 c. a ottobre, a causa del fohn ci furono  25 gradi ai primi di Dicembre a Biarritz, poi dal 27 dicembre una nuova ondata di gelo e neve colse ancora il nord della Francia con punte di - 27 a Troyes.  I meteorologi francesi paragonarono l'annata in questione al 1956. Che dire, quello fu davvero un inverno crudo, forse troppo, i danni furono incalcolabili oltre tutto ci furono anche delle perdite di vite umane. Gli indici teleconnettivi all'epoca erano tutti molto low, la QBO alla quota di 50 hPA era a -8,0 e proprio un violento riscaldamento stratosferico causò tutto questo. I miei personali ricordi che in quel'anno avevo 21 anni sono di due giorni quasi di neve ininterrotta e di quasi 80 cm. in giardino, ricordo ore di blackout e mio papà che riscaldava pentole di neve per ovviare alla mancanza d'acqua, le strade divennero lastre di ghiaccio con alte pareti di neve spalata, ricordo un cumulo altissimo nel mio giardino che resistette sino a Pasqua quando venne rimosso e smaltito con un camion. E i vostri? Raccontateceli e dite la vostra con noi sul forum o su Facebook.

Fulvio Valagussa

Foto tratte da www.meteociel.fr

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Cookie Information